“Women in GI” – EUROGI Focus Group

(Pilot) Survey

[The goal of the present action is to submit a draft version of the survey to a selection of women involved in the GI sector to obtain comments and observations for a final version of the survey. It would be appreciated if you could return it with either comments / suggestions or filled questionnaire or both. Please feel free to choose the type of questionnaire that best suits your sector / job. For your convenience, also a pdf preview is available]

Founded in 1994, EUROGI represents the networking platform on GI in Europe and offers the opportunity to learn, share experiences and knowledge with fellow experts on a wide range of topics.
The Women in GI Focus group aims to produce a position paper that collects information describing the current situation about the presence and role of women in the GI sector, and that can be used to ask more attention from people and institutions directly involved in policy and decision-making activities.

If you have any queries regarding any aspects of this survey, please do not hesitate to contact Associate Professor Monica Sebillo at monica.sebillo@eurogi.org
It would be appreciated if you could return the completed questionnaire to Monica by the end of July. Thank you.

In any publication of results of this survey, no mention will be made of individual responses. We are only interested in overall patterns.

(Pilot) survey for Public Organizations

(Pilot) survey for Private Companies

(Pilot) survey for Public institutions / Research institutions / Universities

Un ricordo di Ian Masser (e della nostra storia)

Ian Masser Picture
Emeritus Professor Ian Masser
Fonte: University of Twente

Nello scorso mese di aprile è mancato il professor Ian Masser. Probabilmente tutti quelli che si occupano di geographic information hanno letto qualcosa scritta da lui (20 libri e più di 300 papers).
AMFM in numerose occasioni, da metà degli anni ‘90, ha collaborato con lui, intensamente e anche a lungo, nell’ambito di associazioni internazionali o di progetti europei.
Masser ha sempre sottolineato l’importanza della cooperazione. Molte organizzazioni e attività di collaborazione internazionali sono state avviate con il suo decisivo contributo. Citiamo EUROGI (European Umbrella Organization for GI), di cui è stato presidente dal 1999-2003, AGILE (Associazione dei Laboratori di Informazione Geografica in Europa), di cui è stato il primo presidente dal 1998 al 1999, GSDI, (Global Spatial DataI Infrastructure Association) di cui è stato presidente del 2002 al 2004.
Ha insegnato a lungo nell’Università di Sheffield, ma anche a Utrecht, all’ITC di Enschede, sempre in Olanda (oggi incorporato nell’Università di Twente), e presso la KU Leuven in Belgio.
Masser si era formato come geografo e urban planner, ma ben presto, passando attraverso l’analisi quantitativa dei fenomeni territoriali, è arrivato ai GIS. Un percorso, dall’urbanistica ai GIS, fatto da molti nel mondo anglosassone, ma anche altrove. Ad esempio in Italia: non è casuale che la prima istituzionalizzazione di un percorso formativo GIS, i Diplomi Universitari in SIT, nascano, intorno a metà anni ‘90, nelle Facoltà di Architettura.
Masser si è occupato di GIS ma soprattutto di Spatial Data Infrastructure, a partire dai primordi, nei primi anni ‘90, focalizzandone in particolare la sua dimensione politica e di “social process of learning by doing” (e prendendosi qualche critica da chi ha una visione più technology centric).
Nel 2019 Masser ha curato il libro Geographic Information Systems to Spatial Data Infrastructure: A Global Perspective, che adesso può essere visto come un lascito alla geospatial community. Dei 19 capitoli che lo compongono, 9 sono firmati solo da lui, gli altri sono in collaborazione: ovviamente avrebbe potuto scrive tutto il libro da solo; la scelta di scriverlo in collaborazione (scelta già fatta in occasione di altri libri) ci sembra una conferma del suo credere nella cooperazione.
Era un inglese profondamente europeo che ha puntato alla dimensione scientifica della informazione geografica senza sottovalutare la sua rilevanza sociale ed amministrativa per tutte le nazioni. Quale mentore ed amico supportò la candidatura di Mauro Salvemini alla presidenza di AGILE e di EURO-GI ma il suo carisma di chairperson è rimasto ineguagliabile.
Questa paginetta l’abbiamo scritta, con un po’ di emozione, per ricordare Ian grande amante dell’Italia. Ma anche per ricordare qualche passaggio della nostra storia.

Associazione AMFM GIS Italia

AMFM GIS Italia associazione senza scopo di lucro nata per favorire lo scambio di conoscenze ed esperienze fra gli operatori pubblici e privati del settore dei Sistemi Informativi Territoriali e dell’Informazione Territoriale e per promuovere lo sviluppo di applicazioni per il governo del territorio e la gestione di servizi ed infrastrutture

Per maggiori informazioni vedere il seguente link